Ricette

Supplì di riso

Supplì di riso

Il supplì di riso, un vero e proprio classico della cucina romana, ha una storia avvolta in un’atmosfera di tradizione e passione culinaria. Questo delizioso antipasto ha origini umili, nato come modo geniale per riutilizzare il riso avanzato e trasformarlo in una gustosa specialità. La sua storia affonda le radici nell’antica Roma, quando le donne di casa, davanti a una pentola di risotto avanzato, decisero di arricchirlo con formaggio e prosciutto, formando piccole palle che venivano poi fritte. Da quel momento, il supplì iniziò a diffondersi nelle osterie e nei locali della città, conquistando palati e cuori con la sua croccantezza irresistibile e un cuore filante di formaggio. Oggi, non c’è angolo di Roma che non abbia un’offerta di supplì, e ogni ristorante o trattoria ha la sua ricetta segreta per creare quella magia che solo un boccone di supplì sa regalare. Preparare questo piatto è come un viaggio nel tempo, un’esperienza culinaria che ci permette di assaporare un pezzo di storia romana, rendendo anche la nostra tavola un vero e proprio tempio della tradizione.

Supplì di riso: ricetta

Gli ingredienti per preparare i supplì di riso sono: riso, brodo vegetale, formaggio (preferibilmente mozzarella), prosciutto cotto, uova, farina, pangrattato e olio di semi di arachidi per friggere.

Per la preparazione, iniziamo cuocendo il riso nel brodo vegetale fino a quando risulterà al dente. Una volta cotto, scoliamolo e lasciamolo raffreddare leggermente. Nel frattempo, tagliamo il formaggio e il prosciutto cotto a cubetti.

Quando il riso è tiepido, aggiungiamo il formaggio e il prosciutto cotto, mescolando bene per distribuire gli ingredienti uniformemente. Formiamo delle piccole palline di riso, facendo attenzione a inserire al centro un cubetto di formaggio.

Passiamo le palline di riso nelle uova sbattute e poi nella farina, facendo attenzione a coprire bene ogni lato. Successivamente, passiamo le palline nella farina, facendo attenzione a coprire bene tutti i lati. Infine, passiamo le palline nel pangrattato, premendo leggermente per farlo aderire bene.

A questo punto, scaldiamo abbondante olio di semi di arachidi in una pentola e friggiamo i supplì fino a quando saranno dorati e croccanti. Scoliamo i supplì su carta assorbente per eliminare l’eccesso di olio.

I supplì di riso sono pronti per essere gustati. Serviteli caldi, in modo che il formaggio fuso all’interno crei un cuore filante irresistibile. Questo antipasto è perfetto per accompagnare un aperitivo o come sfiziosa entrée in un pranzo o una cena. Buon appetito!

Possibili abbinamenti

Il supplì di riso, con la sua croccantezza irresistibile e il cuore filante di formaggio, si presta ad abbinamenti versatili e deliziosi. Partendo dagli abbinamenti con altri cibi, possiamo pensare a servire i supplì come antipasto, accompagnati da una salsa marinara o da un condimento a base di pomodoro fresco e basilico. Questo creerà un contrasto di sapori e una sinfonia di gusto tra il riso, il formaggio e la salsa.

In alternativa, i supplì possono essere serviti come contorno, ad esempio con una bistecca alla griglia o un pollo arrosto. La croccantezza dei supplì si sposa alla perfezione con la morbidezza delle carni, creando un bilanciamento di consistenze e sapori che rende il pasto completo e soddisfacente.

Per quanto riguarda gli abbinamenti con le bevande, i supplì si sposano bene con una birra fresca e leggera, come una pilsner o una lager. La freschezza e l’effervescenza della birra contrastano con la frittura dei supplì, bilanciando il gusto complessivo.

Se preferite i vini, potete optare per un vino rosso giovane e fruttato, come un Montepulciano d’Abruzzo o un Chianti. L’acidità e i profumi fruttati di questi vini si armonizzano con i sapori intensi del supplì, creando una combinazione piacevole e gustosa.

In conclusione, i supplì di riso possono essere abbinati a salse di pomodoro, carni alla griglia, birre fresche e vini rossi giovani e fruttati. Queste combinazioni sono ideali per esaltare i sapori e rendere l’esperienza culinaria ancora più appagante.

Idee e Varianti

Le varianti del supplì di riso sono molte e si differenziano principalmente per l’aggiunta di ingredienti diversi o per la forma data alle palle di riso.

Una delle varianti più comuni è il supplì al telefono, dove al riso vengono aggiunti cubetti di mozzarella e un sugo di pomodoro. Questo rende il cuore del supplì ancora più filante e gustoso, simile a un vero e proprio “telefono” di formaggio che si crea quando si spezza il supplì.

Un’altra variante molto apprezzata è il supplì al tartufo, dove il riso viene insaporito con il tartufo tritato o con l’aggiunta di olio di tartufo. In questo caso, la ricetta tradizionale si arricchisce di un sapore più raffinato e sofisticato.

Un’altra variante interessante è il supplì di mare, in cui al riso vengono aggiunti frutti di mare come gamberetti, calamari o cozze. Questa versione è ideale per gli amanti dei sapori di mare e aggiunge una nota di freschezza e gusto al supplì.

Esistono anche varianti vegetariane, dove si eliminano gli ingredienti a base di carne come il prosciutto cotto, sostituendoli con verdure come zucchine, melanzane o funghi. Queste varianti sono perfette per chi segue una dieta vegetariana o per coloro che vogliono sperimentare sapori diversi.

Infine, alcune varianti si differenziano per la forma data alle palle di riso. Ad esempio, esistono i supplì a forma di cilindro o di sfera, che possono essere più facili da mangiare o più adatte per un buffet. Alcuni chef creativi hanno anche sperimentato la forma di supplì a cuore o di altre figure particolari, creando un effetto visivo sorprendente.

In conclusione, le varianti del supplì di riso sono infinite e ognuna aggiunge un tocco personale e creativo a questa delizia culinaria romana. Sperimentare con diversi ingredienti e forme può rendere la preparazione dei supplì ancora più divertente e gustosa.

Potrebbe anche interessarti...